Amici miei, la prima puntata del Festival di Sanremo 2020 è appena terminata. Io, da grande critico musicale intellettuale e illuminato vi ho recensito i primi 12 brani in gara mentre li ascoltavo, quindi perdonate le frasi a volte a caso e tronche. Ma mi amate un pò per questo, vero?

IRENE GRANDI – ‘Finalmente Io’

Pezzo scritto da Vasco Rossi AKA l’artista italiano più sopravvalutato della storia.
Alza troppo la voce, è vestita come se si sentisse al Festivalbar ad Agosto con la Marcuzzi che ancora il calendario non l’aveva fatto. Il testo è noioso, uguale a quello che Vaschino ha scritto per la Marrone qualche mese fa. Forse più brutto. É grave.

MARCO MASINI – ‘Il Confronto’

La Leotta AKA il tuorlo gigante lo annuncia dicendoci che è l’ottava volta per lui al Festival. QUINDI.
Ballad piano voce, si ascolta, è Masini, mi piace. Oddio poi urla nel ritornello ma che è sto stridio. No cambio idea amici. Perde anche un pò il ritmo mentre canta. Poi perchè deve sempre dire stronzo nelle canzoni. Sfido chiunque a cercarla su Spotify ed aggiungersela alla playlist, ti fotte il timpano. Grande artista, ricordiamo la sua vecchia musica, dimentichiamo questa.

RITA PAVONE – ‘Niente (Resilienza 74)’

FILADELFO il nome del direttore d’orechestra. Grandi aspettative.
Ritaaa girl, vibratissima, mette un pò di beat. Porta una produzione fresca io shocked. Non apprezzo le melodie del ritornello ma per ora è la canzone più orecchiabile e questa grinta. I LOVE YOU tirato prima del crescendo finale cattivissimo amici ci sta facendo volare. SLAY MAMAAAAAAAA! Promossa. BRAVA.

ACHILLE LAURO – ‘Me Ne Frego’

Mi piace il suo essere così 2020, 80’s, ma sta roba che è. No che brutta.
Non percepisco minimamente il genio che vedete tutti.
Sinceramente molto prevedibile, il sound ha un fil rouge pesantissimo con Rolls Royce dell’anno scorso.
Ma mhm… Delusino e mi manca l’Achille di Thoiry.
Direzione artistica folle, ma musicalmente non mi smuove.

DIODATO – ‘Fai Rumore’

Qualche imprecisione ma intonatissimo, magico, BELLO. Tocca pesantissimo il cuore ed è delicato come acqua travolgendo però come una diga esplosa. Si distingue sempre ovunque, Sanremo 2020 è già in parte tuo. Scrive bene e ha un appeal alle sfigatone che caricano le foto su Instagram Stories con i filtri osceni, i cuoricini e il gatto silvestro, ovvero quelle che votano. Potrebbe arrivare mooolto in alto.

LE VIBRAZIONI – ‘Dov’è’

Testo di Roberto Casalino, mi piace tanto lui.
Sarcina è fighissimo, ma come lui mi chiedo dove sia la gioia in questo ensemble di roba. Il Karma Franci, hai trattato male Clizia che a Pechino express era top. Ora continua a cercare le gioie. baci.

ANASTASIO – ‘Rosso di Rabbia’

Il flow spacca, mi piace l’approccio rock alla Salmo. Oh wait, ricorda un pò la costruzione di ’90 minuti’ mhm. Testo bello ma sinceramente non ho voglia di ascoltarlo troppo attentamente per capirlo. Speravo in più catarsi e pathos. La sua grande bravura dimostrata l’anno scorso o due, non ricordo, ma si dai la cappella sistina etc… qua si perde un pò.

ELODIE – ‘Andromeda’

Sto ascoltando ‘This Is Elodie’ da giorni, la recensione arriva in settimana, volevo quest’ultimo pezzo per comprendere al 100% l’opera.
OK IL LOOK VERSACE GIRL. Quanto sei bona.
Sentiamo la canzone. Scritta da Mahmood, prodotta da Dardust.
Aspettative altissime.
… La produzione!!!!!!!
Dio Elodie you came to conquer.
Pezzo difficile sia all’ascolto che vocalmente per lei. Bella, azzardata. Si gioca la carta freshness alla ‘Soldi’ dell’anno scorso, ma non ha la stessa immediatezza melodica e la semplicità semplicissima della canzone di Mahmood. Forte ma complicatissima specialmente per lo spettatore medio di Sanremo.
Applausi per il coraggio di scegliere un pezzo del genere. Mi piaci.

MORGAN & BUGO – ‘Sincero’

Okay, andiamo avanti!

ALBERTO URSO – ‘Il Sole Ad Est’

Piacevolina ma che due coglioni Alberto. Sembra la roba che ascolta mia Nonna Maria su radio Zeta (un’utente mi fa notare che Radio Zeta è Super Fresh e io come uno Sfera Ebbasta qualunque del mondo del marketing, prendo il colpo in pieno petto e no, non edito nulla! Ora dovrò chiamare mia nonna per chiedere che radio ascolta, vi aggiorno). Saresti TOP a doppiare i cartoni Disney and that’s not an insult!

RIKI – ‘Lo Sappiamo Entrambi’

Strappamutande pazzesco, ballad ritmatina molto Backstreet Boys. Ci si aspetta l’ingresso di altri 6 Riki armonizzanti sul palco. Mi piace tantissimo il riverbero sullo special ed è forse la più radio friendly della serata. Bellissimo look. Pensavo mi avrebbe fatto pena viste le sue ultime release, invece mi piace. Promosso e pure pacca sul culo.

RAPHAEL GUALAZZI – Carioca

Look da querelare, mi inquieta un pò ma adoro i pianisti. Belli gli strumenti a fiato live. Finite le cose belle di questa Carioca.

Amici, ci sentiamo domani per le prossime 12 canzoni in gara e giovedì con i miei commentoni finali. BACI.

Scrivi la tua